Uno dei tratti distintivi di un sito web di successo è la bassa frequenza di rimbalzo. Dopo tutto, non importa quanti clic riceve il tuo sito se una grande percentuale di utenti fa solo un rapido sguardo prima di chiudere la scheda. Ecco perché è così importante capire come ridurre la frequenza di rimbalzo.

Fare uno sforzo per ridurre questa metrica non solo garantirà che i visitatori trascorrano più tempo sul tuo sito, ma fornirà anche una migliore esperienza complessiva. Dopotutto, dovrai migliorare le prestazioni e la struttura del tuo sito per ridurre la frequenza di rimbalzo e queste modifiche ti saranno di beneficio a lungo termine in molti altri modi.

In questo articolo, discuteremo su cosa sia la frequenza di rimbalzo, spiegheremo perché è fondamentale mantenerla bassa e infine, andremo a vedere i tre dei modi più efficienti per ridurre la frequenza di rimbalzo.

Cos’è la frequenza di rimbalzo (Bounce Rate)

Generalmente un “rimbalzo” è quando qualcuno visita il tuo sito e se ne va prima di interagire con qualsiasi parte di esso (facendo clic su un pulsante, navigando verso un’altra pagina, ecc.). Ad esempio, se la frequenza di rimbalzo è del 50%, significa che il 50% dei visitatori lascia il tuo sito senza eseguire altre azioni.

Nella maggior parte dei casi, il miglioramento dell’esperienza utente complessiva del tuo sito dovrebbe comportare una frequenza di rimbalzo ridotta. Dopo tutto, la maggior parte dei visitatori che “rimbalzano” lontano dal tuo sito probabilmente lo fanno perché non erano soddisfatti di ciò che vedevano a prima vista. Una frequenza di rimbalzo più bassa significa che gli utenti stanno esplorando il tuo sito in modo più approfondito, il che dovrebbe già essere uno dei tuoi obiettivi principali. Più tempo i visitatori trascorrono con i tuoi contenuti, più è probabile che tornino più tardi, acquistino qualcosa o magari addirittura raccomandino il tuo sito ad altre persone.

Come ridurre la frequenza di rimbalzo (in tre passaggi)

Come ridurre la frequenza di rimbalzo

Questo è un progetto che seguo da Maggio 2018, come puoi vedere prima la frequenza di rimbalzo di questo sito era quasi al 100%, facendo un’ottimizzazione puoi vedere come da Giugno 2018 la frequenza è con il tempo diminuita.

Prima di iniziare a lavorare sulla riduzione della frequenza di rimbalzo, è necessario sapere qual è attualmente. Esistono molti strumenti che possono aiutarti, ma ti consiglio di utilizzare Google Analytics, poiché puoi integrarlo rapidamente con WordPress .

Una volta che sai la frequenza di rimbalzo, è ora di iniziare a migliorare le prestazioni del tuo sito.

Passaggio 1: migliora i tempi di caricamento del tuo sito

Assicurarsi che il tuo sito WordPress si carichi rapidamente è uno dei modi migliori per mantenere la frequenza di rimbalzo entro un intervallo ragionevole. Gli utenti sono molto impazienti di fronte a tempi di caricamento lenti della pagina. Se il tuo sito impiega troppo tempo per essere caricato, una buona porzione di essi semplicemente preme il pulsante “indietro” e trova un altro sito.

Passo 2: Rendi il tuo sito facile da navigare

Un altro aspetto che può contribuire a un’elevata frequenza di rimbalzo è una struttura di navigazione del sito web complessa. Dopo tutto, se i tuoi utenti hanno difficoltà a passare dal punto A al punto B (o non sono in grado di trovare le informazioni di cui hanno bisogno), è probabile che si sentiranno frustrati. La frustrazione porta alla rabbia e la rabbia porta a una frequenza di rimbalzo più alta.

Ora, migliorare la navigazione del tuo sito è un argomento complesso e non lo controllerai in un giorno o due.

La maggior parte dei siti Web utilizza una barra di navigazione di base nella parte superiore dello schermo che include tutti i link più importanti. Nella maggior parte dei casi, questa è una strategia eccellente che è facile per i tuoi utenti. Ricorda solo di non aggiungere link ridondanti e assicurati che i tuoi pulsanti o collegamenti siano di facile lettura e interazione.

Utilizzare i collegamenti interni per indirizzare i visitatori ai contenuti correlati. Quando possibile, i tuoi contenuti dovrebbero includere collegamenti a post o pagine correlate all’interno del tuo sito. In questo modo, i tuoi utenti non dovranno guardarsi intorno per avere più informazioni a cui potrebbero essere interessati e sarai in grado di aumentare la quantità di tempo che trascorrono sul posto.

Passaggio 3: scegli come target un pubblico specifico

Capire quale pubblico targettizzare non è necessariamente una soluzione rapida, ma può avere un impatto enorme sulla frequenza di rimbalzo del tuo sito web (e sulla sua popolarità generale).

Se il tuo sito web ha come target un pubblico troppo vasto, riceverai molti visitatori che potrebbero non essere interessati ai tuoi contenuti. Uno dei modi migliori per eliminare questo problema sul nascere è quello di restringere il pubblico di base sin dall’inizio, identificare i loro bisogni e capire come affrontarli.

Se hai già un sito web consolidato, non preoccuparti. Puoi comunque cogliere l’occasione per sederti e decidere quale dovrebbe essere la sua nicchia ideale, e iniziare a bersagliare quegli utenti d’ora in poi. Potrebbe essere necessario trovare nuove idee per i contenuti ma il guadagno dovrebbe valerne la pena. Dopotutto, di solito è meglio avere un pubblico più piccolo e molto impegnato di una tonnellata di visitatori occasionali a cui non interessa il contenuto o il messaggio.

Hai capito quindi come ridurre la frequenza di rimbalzo?

Affrontare la frequenza di rimbalzo non significa solo “aumentare” il traffico, ma anche migliorare alcuni aspetti fondamentali del tuo sito.

Ad esempio, accelerare le prestazioni può contribuire notevolmente ad abbassare la frequenza di rimbalzo e questa tecnica consente anche un’esperienza utente più piacevole.

Ricorda: se desideri ridurre la frequenza di rimbalzo, prova a implementare questi suggerimenti:

  • Migliora i tempi di caricamento del tuo sito.
  • Rendi il tuo sito facile da navigare.
  • Scegli come target un pubblico specifico.

Se hai bisogno di aiuto per ridurre la frequenza di rimbalzo sul tuo sito oppure hai semplicemente bisogno di una consulenza, non esitare a contattarmi! Come Esperto SEO WordPress, ogni giorno tramite la web analytics analizzo l’andamento dei siti web dei miei clienti ed intervengo per migliorarne i risultati.

 

Vuoi far ridurre la Frequenza di Rimbalzo del tuo sito?

Angelo Casarcia

Ciao Sono Angelo, sono qui per aiutarti a realizzare il tuo progetto o per risolvere un problema. Da 10 anni mi occupo di SEO WordPress, aiuto le aziende o singoli professionisti ad aumentare le visite del proprio sito web per raggiungere il loro obiettivo.

Leggi Altri Articoli

I miei canali Social:
TwitterFacebookLinkedIn